Territorio Comelicopedia

From Comelicopedia

Jump to: navigation, search

Contents

1. Il Comelico Sappada

Italia veneto1.jpg

Comelico Sappada.jpg

La Comunità Montana del Comelico Sappada comprende 6 comuni dell'alto bellunese, al confine con Austria e Friuli Venezia Giulia: 5 comuni ladini (Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, San Pietro di Cadore, Santo Stefano di Cadore) ed 1 germanofono (Sappada).

2. La Popolazione comunale

2.1. Statistiche generali (elaborazioni su Fonti ISTAT, Censimento generale della Popolazione e delle abitazioni 2001 e Movimento anagrafico dei Comuni, residente al 1 Gennaio 2010)

 Comuni del Comelico Sappada  

 Superficie 

(km²)

 Perc. 

  Sup. %  

 Abitanti 

(num.)

 Perc.

  Ab. %  

Densità

 (num./km²) 

  Altitudine  

(m.s.l.m.)

  numero  

Centri

 Comelico Superiore

95,85

27,9%

2372

26,2%

24,7

1.210

4

 Danta di Cadore

8,00

2,3%

517

5,7%

64,6

1.398

1

 San Nicolò di Comelico

24,36

7,1%

419

4,6%

17,2

1.061

2

 San Pietro di Cadore

52,00

15,2%

1750

19,3%

33,7

1.100

5

 Santo Stefano di Cadore

100,16

29,2%

2684

29,6%

26,8

908

4

 Sappada

62,73

18,3%

1314

14,5%

20,9

1.250

15

TOTALE

 343,1

 

 9056

 

 31 media

 1155 media

 

Siamo in realtà territoriali di alta quota (il Comune più basso è a 908 metri sul livello del mare) a bassa densità di popolazione (in media 31 abitanti per km²).

Fa eccezione il Comune di Danta di Cadore, il comune più in alta quota che presenta la maggiore densità della Comunità Montana (quasi 65 abitanti per km²).

Il Comune capoluogo dei 6 centri è Santo Stefano di Cadore, che presenta la maggiore taglia demografica (2684 abitanti).

Inoltre, la popolazione vive sparsa sul territorio, si pensi al caso estremo di Sappada con i suoi 15 nuclei abitativi.



2.2. Dinamiche demografiche per ciascun Comune del Comelico Sappada  (e laborazioni su Fonti ISTAT, Censimento generale della Popolazione e delle abitazioni 2001 e Movimento anagrafico dei Comuni, residente al 1 Gennaio 2010)

  Comuni del

  Comelico Sappada   

Popolazione

  residente al 2001 

Popolazione

  residente al 2010  

Numero di

  abitanti persi  

 Percentuali calo 

  demografico (%)

 Comelico Superiore

2446

2372

74

- 3,0

 Danta di Cadore

552

517

35

- 6,3

 San Nicolò di Comelico

426

419

7

- 1,6

 San Pietro di Cadore

1839

1750

89

- 4,8

 Santo Stefano di Cadore 

2905

2684

221

- 7,6

 Sappada

1359

1314

45

- 3,3

TOTALE

 9527

 9056

 471

 - 4,9

Nell'ultimo decennio la Comunità Montana del Comelico Sappada ha perso 471 abitanti, quasi il 5% della sua popolazione.

Il Centro maggiore, ovvero il Comune di Santo Stefano di Cadore, è quello che ha perso più abitanti degli altri, ovvero 221 (il 7,6% dei suoi cittadini), seguito dal Comune più piccolo, quello in quota, Danta di Cadore, che ha perso il 6,3% (quasi un abitante ogni 17). Gli altri hanno avuto perdite demografiche di minore entità.

 

 

2.3. Dinamiche demografiche del Comelico Sappada nell’ultimo quinquennio (elaborazioni sui dati della Regione Veneto - Direzione Sistema Statistico Regionale)

  Anno

 Saldo naturale  (nati vivi-morti)

     Saldo sociale (immigrati-emigrati)

   Somma dei due Saldi

Popolazione

Totale

 2005

-33

0

-33

9285

 2006

-57

-50

-107

9178

 2007

-38

-5

-43

9135

 2008

-40

-9

-49

9086

 2009

-36

6

-30

9056

 

 

 

 -262 unità di abitanti perdute 

 

Negli ultimi 5 anni il calo demografico ha interessato più della metà degli abitanti "andati via dal Comelico Sappada", anche se il triennio 2006-2008 è stato quello di maggior fuga, con il picco al primo anno (107 unità perse solo nel 2006).

 

 

2.4. Dinamiche demografiche del Comelico Sappada confrontando ai dati degli ultimi 3 censimenti (elaborazioni sui dati di fonte ISTAT di Censimento generale della Popolazione e delle abitazioni 1981, 1991, 2001)

 Anno

Saldo naturale (nati vivi-morti)

Saldo sociale  (immigrati-emigrati)

Somma dei due Saldi

Popolazione Totale

 1981

291

-9

282

10745

 1991

205

5

210

10275

 2001

175

-75

100

9508

 

 

 

 

 1237 unità di abitanti perdute 

 Visto in una prospettiva di lungo periodo (30 anni), il calo demografico sembra essere un trend consolidato intorno alla perdita di 500-600 abitanti per decennio. La popolazione decresce perchè si assottiglia sia l'incremento proveniente dai nuovi nati che la permanenza sul territorio, ovvero perchè sono più quelli che partono che quelli che arrivano (infatti il saldo è negativo, -75 abitanti).

 

2.5. Distribuzione della popolazione del Comelico Sappadaper fasce d’età e sesso (elaborazioni su Fonte ISTAT,Movimento anagrafico dei Comuni, residente al 1 Gennaio 2010)

 Fasce d'età     

 Maschi 

 Femmine 

 Fem. % 

 Maschi+Femmine 

 % per fasce d'età 

 0-17

661

651

49,6%

1312

14,5

 18-65

2987

2798

48,4%

5785

63,9

 da 66 in poi

770

1189

60,7%

1959

21,6

 

 

 

 

9056

100

 In media la comunità montana può contare su una grande fascia di popolazione attiva, ovvero di abitanti che hanno una età compresa tra 18 e 65 anni (il 64% della popolazione totale), anche se sta mancando il ricambio generazionale (la popolazione al di sopra dei 66 anni è di molto superiore a quella under 18, in numeri il 21,6% contro il 14,5%).

Per quanto riguarda dati di genere, c'è una certa equidistribuzione tra il numero di uomini e donne nelle prime due fasce di età, mentre la fascia più anziana vede una maggiore longevità e numerosità della popolazione femminile (61% quasi).

 

 

2.6. abitazioni Abitazioni occupate e non occupate per Comune (elaborazioni sui dati di fonte ISTAT, Censimento generale della Popolazione e delle abitazioni 2001)

La situazione del patrimonio abitativo dei Comuni del Comelico Sappada al 2001

Totale di abitazioni occupate solo da persone non residenti

Totale di abitazioni occupate solo da persone residenti

Abitazioni occupate da persone che risultano residenti e non

Abitazioni risultate vuote alla data del Censimento

Percentuale (%) abitazioni risultate vuote alla data del Censimento

Numero complessivo di abitazioni

 Comelico Superiore

29

1073

1102

906

45,1%

2008

 Danta di Cadore

18

241

259

174

40,2%

433

 San Nicolò di Comelico

2

185

187

210

52,9%

397

 San Pietro di Cadore

2

773

775

508

39,6%

1283

 Santo Stefano di Cadore

7

1200

1207

709

37,0%

1916

 Sappada

5

555

560

1589

73,9%

2149

 CM Comelico Sappada

 

 

 Media 681,7

 Media 682,7

 

 

 Ed il fatto che la popolazione non abbia un ricambio generazionale e che perda molte unità all'anno da almeno tre decenni, lo si vede fisicamente nel numero di abitazioni vuote alla data del censimento, abitazioni che non risultano occupate nemmeno da non residenti e di cui non si hanno informazioni nemmeno riguardo alle destinazioni d'uso turistico.

A breve si avranno i risultati del Censimento 2011 e con esse le possibilità di confronto e di integrazione della situazione del Comelico Sappada.

A Sappada le abitazioni risultate vuote sono di gran lunga maggiori di quelle abitate, il 74% circa di abitazioni vuote contro un 36% di abitazioni occupate. Segue il Comune di San Nicolò di Comelico con il suo 52,9% di abitazioni vuote alla data del censimento (autunno 2001).

 


3. Superficie agricola utilizzata

3.1. Superfici adibite al settore primario (elaborazioni sui dati della Regione Veneto - Direzione Sistema Statistico Regionale)

 

 Descrizione

Comelico Superiore

Danta di Cadore

San Nicolò di Comelico 

San Pietro di Cadore

Santo Stefano di Cadore

Sappada

 SAU 

 

 aziende 

106

7

9

24

14

37

 superficie 

1937,87

183,42

133,93

898,23

918,31

376,39

 SEMINATIVI 

 

 aziende 

1

0

1

2

1

1

 superficie 

0,04

0

0,5

0,92

0,04

0,6

 COLTIVAZIONI LEGNOSE 

 

 aziende 

0

0

1

0

0

0

 superficie 

0

0

0,1

0

0

0

 ORTI FAMILIARI 

 

 aziende 

80

5

0

0

0

16

 superficie 

1,04

0,05

0

0

0

0,16

 PRATI PERMANENTI E PASCOLI 

 

 aziende 

103

5

8

24

13

37

 superficie 

1936,79

183,37

133,33

897,31

918,27

375,63

 Dai dati sull'agricoltura si evince che la campagna del Comelico è principalmente interessata o da colture agricole o da "prati permanenti o pascoli". E le superficie adibite ad entrambe le attivittà si equivalgono nei numeri. Anche il numero di aziende è pressocchè lo stesso ed è probabile che molte delle aziende utilizzino entrambe le due tipi di destinazione agricola.



4. Addetti e unità locali

4.1. Addetti per settore produttivo nei diversi Comuni del Comelico Sappada (elaborazioni sui dati della Regione Veneto - Direzione Sistema Statistico Regionale)

 Comune                        

Settore

Primario

% Sett.

Primario

Settore

Secondario

% Sett.

Secondario

Settore

Terziario

% Sett.

Terziario

Totale

 Comelico Superiore

5

1,9%

187

69,3%

78

28,9%

270

 Danta di Cadore

0

0,0%

28

70,0%

12

30,0%

40

 San Nicolò di Comelico

1

1,8%

41

74,5%

13

23,6%

55

 San Pietro di Cadore

6

5,3%

70

61,9%

37

32,7%

113

 Santo Stefano di Cadore

6

2,4%

131

52,2%

114

45,4%

251

 Sappada

1

0,5%

95

43,4%

123

56,2%

219

 Intera Comunità Montana

19

2

552

58,2

377

39,8

948

In 5 comuni del Comelico l'attività che impiega maggiori lavoratori è il secondario (dal 74,5% valore massimo, riscontrato a San Nicolò di Comelico, al 52,2% di Santo Stefano di Cadore, valore minimo dell'area). Più della metà dei lavoratori è occupato nel settore secondario, ad eccezione di Sappada, dove è il terziario il settore che riscuote maggior successo (56,2%).

 

 

4.2. Le unità locali totali, viste dall’IPA attraverso i dati infocamere

UL Comelico.jpg

Nell’Intesa Programmatica d'Area si leggeva che nell'«area del Comelico Sappada sono state rilevate, al 31 dicembre 2007, 1.083 unità locali (5 in meno rispetto al dicembre 2006) e 874 sedi di impresa (14 in meno rispetto a dicembre 2006), la maggior parte delle quali ubicate nei comuni di Comelico Superiore, Santo Stefano e Sappada» (p. 55).

I tre Comuni si confermano come luoghi di distribuzione sul territorio dei vari servizi e delle varie attività lavorative.



4.3. Distribuzione percentuale degli esercizi alberghieri per Comune al 2006 (elaborati nell’IPA su dati di fonte provinciale)

Alberghi CMCS.jpg

Tra i comuni della Comunità Montana è Sappada quello che presenta il maggior numero di esercizi alberghieri, il 47% degli esercizi alberghieri dell'area sono localizzati nel Comune di Sappada. Seguono Comelico Superiore (24% del totale) e S. Stefano di Cadore (20% del totale), ma la somma di entrambe le quote a tale destinazione è inferiore a quella di Sappada.



4.4. Distribuzione percentuale degli esercizi extra-alberghieri per Comune al 2006 (elaborati nell’IPA su dati di fonte provinciale)

Extra-Alberghi CMCS.jpg

Per esercizi extra-alberghieri si intendono esercizi privati che offrono posti letto ma che non figurano come alberghi, ovvero B&B ed altre soluzioni ricettive, per fare un solo esempio. Il primato di queste attività spetta a Comelico Superiore (31%) seguito ancora una volta da Sappada (24%) e S. Stefano di Cadore (21%).

Ad eccezione di Sappada, con la maggiore vocazione turistica dell'area, la restante recettività è assorbita dai due maggiori comuni dell'area.

Personal tools
Namespaces
Variants
Actions